AMP 2016


INTERVISTE

José Miguel Wisnik

di Glória Maron




José Miguel Soares Wisnik è musicista, compositore e saggista brasiliano. E' anche professore di Letteratura brasiliana all'Università di San Paolo. I molteplici aspetti del suo lavoro vanno al di là della letteratura e della musica, connettendosi con differenti campi della cultura.


Il risultato del suo lavoro da artigiano che maneggia e transita tra lettere e cifre musicali prende corpo nelle canzoni e nei differenti testi, cantati e raccontati in lezioni-show, rappresentazioni teatrali, così come in libri o pubblicazioni in giornali di grande diffusione nel paese.


Lo stile con cui canta e racconta la musica ci trasporta in percorsi sonori poco usuali. Qualcosa di questo lo possiamo trovare in uno dei suoi libri più noti, “Il suono e il senso”, un modo originale di articolare pezzi staccati per costruire la sua autorevole storia della musica. Più che una storia della musica, secondo il suo autore, “è un libro su voci, silenzi, rumori, accordi, toccate e fughe”. In questo stesso libro vuol dimostrare che l'evoluzione del linguaggio musicale occidentale disegna un percorso a spirale che oscilla tra due alternative che provengono dalla natura del suono e del nostro corpo: la pulsazione e la frequenza.


Gli effetti dell'incidenza del suono nel corpo in vibrazione è uno dei vettori del suo lavoro che ci riguarda e che possiamo considerare argomento per una conversazione sul tema del nostro X Congresso.


Come si localizza nella musica l'incidenza dei precipitati di ciò che con Lacan chiamiamo lalingua? Che cosa ci può insegnare la musica su questo passaggio dell'incorporeo che prende corpo, che si presentifica nel corpo come pura vibrazione senza senso?


Queste e altre questioni possono sorgere in questo incontro che riunisce arte e psicoanalisi e che ci attendiamo vibrante e di insegnamento. Le loro risonanze potranno essere raccolte da quanto ascolteremo il prossimo 26 aprile, quando il nostro invitato verrà intervistato da Marcus André Vieira e Sérgio Laia.


Top